8.4.10

Riga 1

Ecco un primo assaggio delle foto scattate a Riga.

Here are some pics from my trip to Latvia.



Alle curiose che me l'hanno chiesto, dico solo che la capitale è bellissima, con un fascino particolare che non è simile a nessuna delle città che ho visitato prima. Per essere proprio onesta, devo ammettere che avrei goduto di più di quel fascino se il tempo fosse stato leggermente più caldo. La neve si stava sciogliendo, ma c'è stata un bel po' di pioggia. Ci sono stati anche giorni di sole e tepore primaverile e in quei momenti era tutto decisamente più bello! ^^

Riga is a beautiful city, it's so different from other cities I've visited. I have to admit that there was too rain. But we have also sunny days!



La mia prima impressione è stata di non essere in una città europea, non saprei spiegarvelo meglio. Diciamo che non si respira quell'aria europea che si respira altrove. E non è solo una questione di mancanza dei vari Starbucks (che manca ancora ancora anche da noi, ma perchééé???) , H&M e Ikea. E' qualcosa di più profondo che ha ovvie ragioni storiche.

My first impression was weird: I feel like I wasn't in an european city. There aren't Starbucks, H&M or Ikea. But the real reason is another: it's something about the history of this nation.



Altra cosa che ho notato è una sorta di "chiusura" nelle persone. Quasi tutti parlano un buon inglese, un chiaro sintomo di apertura, ma allo stesso tempo mantengono sempre una certa distanza e freddezza nei rapporti con gli altri. Personalmente non credo ai luoghi comuni che vogliono le persone del Nord fredde e poco ospitali, anzi: più di una volta ho apprezzato la disponibilità e l'apertura della gente di nazioni molto più a Nord della nostra Italia. Ecco perché, anche in questo caso, credo che il comportamento di questa gente venga da secoli di chiusura - forzata o meno - nonché da una sorta di senso di inferiorità nei confronti di altri Paesi economicamente più avanzati. Una ragione in più per apprezzare ogni sforzo per raggiungere un livello successivo, in campo economico e politico. Tanto per dirne una, sono convinta che noi italiani dovremmo guardare con ammirazione a un Paese che, pur essendo indipendente soltanto dal 1991, già nel 1999 ha eletto una donna come Primo Ministro.

I noticed that people are a little bit "closed". Most of them speak a pretty good english and this is a sign of open mind, but they're also distant and cold with other people. In my opinion this isn't a fault or a failure, I believe that this behavior comes from centuries of closure and subjugation and maybe also from a sense of inferiority towards other more economically advanced countries.And this is one more reason to appreciate every effort to reach the next level in economic and political terms.
I think that in Italy we should look with admiration to this country: even if latvian people are independent only since 1991, in 1999 they elected a woman as Prime Minster.





17 comments:

  1. meravigliosa.riflettevo sui motivi della "chiusura".teniamo presente che sono appunto indipendenti dal 91,e che finalmente dopo tanto cercano una loro identità in quanto stato.

    ma la foto dei divieti?fantastica!e la statua sul tetto?DIVINA!
    non vedo l'ora di vedere altre foto!

    ReplyDelete
  2. la stessa cosa che ho notato anche io a S. Pietroburgo, anche se lì davvero l'inglese non lo parlavano, e per la prima volta mi sono trovata in un paese in cui davvero comunicare era difficile! Sarà dovuto alla recente apertura economico-politica, chissà... comunque l'est è decisamente da visitare e scoprire ;D

    ReplyDelete
  3. Le foto sono stupende e mi hanno fatto venire una voglia matta di visitare la città... il gatto sul tetto e il divieto di entrata alle streghe mi fanno morire... per la chiusura... eh, non sarà tipica dei Paesi del Nord, no, piuttosto della difficile situazione politico-socio-economica che la Lettonia ha e sta attraversando... speriamo che si sblocchino.

    ReplyDelete
  4. Che belle foto. Che bei posti dal fascino particolare.. Proprio quelli che piacciono a me
    Grazie per i commenti che hai lasciato da me e per gli auguri..
    Cara come sempre..
    ciao

    ReplyDelete
  5. Bella a foto!!!

    (Sto provando su un PC di fortuna, diverso dal mio, ad usare Explorer invece di Firefox... Speriamo bene!!!)

    ReplyDelete
  6. Grazie ragassuole!

    @ Miriam: finalmenteee! Allora era Firefox il colpevole?!? S

    ReplyDelete
  7. grazie per queste magiche foto, sicuramente un città affascinante, tutta da scoprire.
    un abbraccio rachele

    ReplyDelete
  8. foto meravigliose!!! sei bravissima. le mie preferite: ovviamente il gatto in punta di tetto e il divieto alle streghe!!! meravigliaaaaaa

    ReplyDelete
  9. deve essere davvero bella, mi convinco sempre di più che è una città da visitare e rimane nella mia lista dei desideri!

    ReplyDelete
  10. .....aspetta, fammi ricontrollare..... mmmh no, io non posso entrare il quel posto...c'è il divieto e tu MI INDICHI PUUURE!!!! :D :D.
    Bellissime le foto e bellissima la prima parte del viaggio!, attendo con moltissima ansia il secondo episodio ;).
    Nel mentre ti lascio un bacio affettuoso!!.
    :*

    ReplyDelete
  11. L'est mi affascina e il tuo racconto è bello e poetico. Mi piace viaggiare così attraverso i viaggi degli altri e tu hai un occhio così intenso!
    Queste città sembrano sospese nel tempo, si respira un'aria antica, in senso buono, come di intatto.

    Riga 1: mi piacissima!

    attendo con ansia Riga 2,3,4,5,6....

    Smuacchete!

    ReplyDelete
  12. beh..se ne parli così bene..inizia a interessarmi veramente! e poi posti dove ci sono gatti sui tetti e divieti per streghe su scopa tirano fuori la strega che c'è in me!! secondo me certi luoghi "dell'est" piacciono perchè appunto diversi dai nostri luoghi, sia per i posti in sè sia per chi ci vive, e di sicuro è un bel modo anche per capire come siamo vedendoci da altri punti di vista!..ah, e poi c'è un motivo per cui starbucks non c'è ancora da noi..è perchè l'inventore di questa "catena" ha ammesso che si è ispirato ai nostri bar, quindi non ne abbiamo bisogno (anche se sarei curiosa di entrarci in uno, ma immagino sia più bello farlo in una città straniera)!! ciao ciao e aspetto la "Riga" 2!

    ReplyDelete
  13. Anch'io mi metto in fila con quelle che aspettano altre foto. Adoro le città europee, adoro viaggiare, e sono davvero curiosa di sapere qualcosa di più di questa città così poco conosciuta. Bellissime le foto, ci hai regalato dei dettagli fantastici, ma nel vero senso della parola, da favola!
    :)
    Valeria

    ReplyDelete
  14. Il caso vuole che io in questi giorni stia leggendo un libro ambientato proprio a Riga.
    Si intitola "Il bambino senza nome". E' bello, è una storia molto particolare.
    Per ulteriori informazioni:
    http://www.bol.it/libri/Il-bambino-senza-nome/Mark-Kurzem/ea978885661395/

    ReplyDelete
  15. Bello questo post! I racconti di viaggio esercitano sempre un certo fascino su di me! Adesso mi tocca mettere Riga nella lista di città da visitare:)Aspetto le altre foto!
    Smack!

    ReplyDelete
  16. Davvero un bel post...e tu con il tuo racconto, l'hai reso ancora più bello :-)
    Bscione, ciao°*°
    elena

    ReplyDelete

Thank you so much for stopping by.
I love to read your words! :)

Grazie mille per esservi fermati qui.
Adoro leggere i vostri commenti! :)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails