6.10.09

Gocco: homemade screen printing / Serigrafie homemade: a lezione di Gocco

Oggi mi metto gli occhialini da maestrina e vi faccio una lezione sull'uso del Gocco.

[Innanzitutto dichiaro la mia più assoluta ignoranza in merito al giusto articolo da usare: si dice IL Gocco o LA Gocco? Non ne ho idea! Mmmmh, qui rischio di creare un'altra guerra fredda come quella per IL/LA Fimo, hihihi! Se qualcuna tra voi sa qual è il giusto articolo, si faccia avanti!]

COS'E'?
Gocco è un sistema giapponese per realizzare a case delle serigrafie a colori. E' stato creato nel 1977 da Noboru Hayama. A prima vista sembra un giocattolo, in realtà è una vera e propria stampante, compatta, pulita, veloce e facile da usare.
Possono essere usati diversi colori contemporaneamente. Una sola applicazione di colore permette di ottenere circa 100 copie. Gli amanti della stampa Gocco ne apprezzano le sue dimensioni, la pulizia, il costo relativamente basso, e la possibilità di realizzare stampe multicolori in un'unica mossa.



Today I want to tell you about the amazing Gocco.

WHAT IT IS?
Print Gocco, is a Japanese color screenprinting system developed in 1977 by Noboru Hayama. Resembling a toy, the compact and completely self-contained printer is clean, quick and easy to use. The system works using flash bulbs, a carbon-based image or photocopy and an emulsion-coated screen. When the bulbs are manually flashed the carbon burns the screen into a stencil. Several colors of Ink can then be applied at one time and multiples can be stamped out, as many as 100 before re-inking is needed. Fans of Print Gocco appreciate its size, cleanliness, relatively inexpensive cost, and the fact that several colors can be printed in one “pass.”



1. july detail, 2. Rustic Vineyard Wedding Invitations, 3. dandelion gocco, 4. 365/73

COSA FA?
Gocco utilizza lampadine ad alto calore per masterizzare un'immagine basata sul carbonio (ovvero una fotocopia realizzata mediante una macchina con toner di carbonio) su un piccolo schermo "usa e getta". Una volta che lo schermo è bruciato, si ottiene una sorta di stencil. A questo punto, si applica l'inchiostro e si reinserisce lo schermo nella Gocco per la stampa.



WHAT IT DOES?
What it does: It is a mini screen printer. The B6 model can print images just up to 4”x6”. The Gocco uses high-heat bulbs to burn a carbon-based image (aka a photocopy made on a machine using carbon toner) onto a small, disposable screen. Once the screen is burned, you apply ink in your choice of colors and then re-insert the screen into the Gocco for printing. There is a sticky pad where you place the item to be printed (so it doesn't stick to the screen), then press down on the top of the Gocco to apply the inked screen to your item. When you lift the top, your lovely printed image is revealed! Easy as can be.




La cosa bella è che attraverso questa piccola macchina è possibile stampare i propri disegni su ogni tipo di superficie, anche sulla stoffa!



Gocco works on fabric too!

1. Alien Boy Pushie, 2. Gocco printed, lavender filled Owl plushies, 3. Max and Matilda .... Print Gocco Dolls, 4. little birds




COME SI USA
So che le mie spiegazioni circa il funzionamento della stampante sono state poco chiare (mi sono limitata a tradurre dall'inglese, ma nn conosco bene la terminologia tecnica e - soprattutto - non ho mai visto una stampante Gocco in vita mia!), però qui potete trovare un video e qui un tutorial fotografico che vi chiarirà di certo le idee.



HOW COULD YOU USE IT?
It's actually very simple!
Here you can find a video tutorial made by Julie Schneider and Bre Pettis of the Etsy Storque Team and here a photographic tutorial.





UN PO' DI STORIA
1977: La società giapponese Riso introduce la prima stampante Gocco in Giappone. Venne pubblicizzata come il miglior modo per creare dei bigliettini personalizzati di buon Capodanno. Ci fu un boom di vendite.

1978: La Riso lancia il primo modello in grado di realizzare biglietti di maggiori dimensioni.

1980: Le vendite continuano a crescere in Giappone.

1990: Le vendite subiscono un primo declino nel mercato giapponese: oramai i biglietti d'auguri personalizzati possono essere facilmente realizzati attraverso gli home computer e le stampanti. Nel frattempo, le stampanti Gocco vengono introdotte nei mercati esteri.

2005: La Riso interrompe la produzione di stampanti Gocco.

Il pittore Jill Bliss dà vita a Savegocco.com, sperando che una campagna a base di petizioni incoraggi la Riso a revocare la sua decisione.

2008: La Riso invia l'ultimo stock ai vecchi fornitori e chiude per sempre la produzione.

2009: Savegocco.com è stato resuscitato da Katie Stephenson. Un sito ricco di risorse, un blog e un'attiva community contribuiscono a mantenere in vita la Gocco.


Nonostante la produzione sia stata interrotta, è ancora possibile acquistare delle stampanti Gocco (alcune delle quali chiaramente usate) su e-bay ed Etsy, ma anche attraverso altri siti (qui c'è un elenco completo).


GOCCO HISTORY
1977: The japanese company Riso introduces the first Print Gocco in Japan, marketing it as a great way to make your own personalized New Year’s greeting cards. Explosive domestic sales and popularity ensue.

1978: Riso first launches a larger Print Gocco card-making model.

1980’s: Sales of Print Gocco systems continue to soar in Japan.

1990’s: Sales of Print Gocco decline in the Japanese market as personalized greeting cards can easily be made with home computers and printers. Meanwhile, Gocco’s introduction to foreign markets begins.

2005: Riso ceases production on Print Gocco.

2005: Savegocco.com was started in 2005 by artist/printmaker Jill Bliss in the hopes that a letter-writing/petition campaign would encourage Riso to reverse its decision to drop Gocco.

2008: Riso shipped their last stock of supplies to loyal vendors, and closed its doors on Gocco forever.

2009:
Savegocco.com was resurrected by Katie Stephenson in the hopes that fans could retrofit, reinvent or otherwise keep Gocco alive themselves.


Even if Gocco production was interrupted, you can still buy one of them. Here is the complete list of sites that sell Gocco.





--> Qui trovate il gruppo Flickr interamente dedicato all'uso di Gocco. Ispiratevi!



--> Here you can find the Flickr group dedicated to Gocco. Enjoy it!




Via: Save Gocco and Get Crafty

10 comments:

  1. oktu sei consapevole di cosa hai combinato?lo voglioooo,lo voglioooo,LO VOGLIOOO LOOOOO!!!!!!
    Son subito andata a vedere il prezzo.una follia,ma è troppo divertente!!!ma mi chiedevo,poi i ricambi?i colori son fatti apposta,o funziona anche l'acrilico?i fogli?le lampadine?


    ma come l'hai scovata sta meraviglia della tecnologia?io ancora mi piango la maglieria magica,regalata alla babycuginettacheTANTOTUSEIGRANDEORMAIENONCIGIOCHIPIù....
    grande a 12 anni già mi pare esagerato.e ora che ne ho 29???la rivoglioooo!!uffa!

    ReplyDelete
  2. Bella questa! appena ho visto la prima foto pensavo fosse una cosa tipo gli scarabocchi che faccio io quando sono al telefono ma mooolto piu` belli, io mi limito a firmare mille volte il foglio, disegnare qua e la` margherite orecchini oppure riscrivo quello che la persona mi dice......invece e` mooolto meglio! se si puo` anche stampare sui tessuti e` davvero il massimo!.
    Vado a visitare tutti i siti!.

    p.s: grazie davvero di cuore per il commento super rincuorante! sei un tesoro!.

    ReplyDelete
  3. Il gocco è stupendo!!!
    Dev'essere una figata quando lo schiacci e *PAM!* parte il Flash! XD
    Mi piacerebbe prenderlo..... ma devo smetterla di prendere materiali che poi stanno a prendere la polvere per anni hahahaha!
    (Ma hai tradotto tutto??? che lavorone lunghissimo! Thank you!)

    ReplyDelete
  4. Wow!! non lo conoscevo... ed è veramente interessante!!! Anche il tipo del video non è male... direi gocco, scusa gnocco!!!
    hi h hiiiiiiiii Ila la peste!

    ReplyDelete
  5. @ Amrita: e te pareva! Cmq lo voglio anch'io.. Prima o poi lo avrò! E voglio anche la maglieria magica, sì sì sì!

    @ Rory: Infatti, a me fa gola in particolare per la possibilità di usarlo sui tessuti... A presto!

    @ Red Fenyx: dai, ma tu devi prenderlo, sei in contatto diretto col Giappone, sei il nostro faro! ;)
    (Yes, la traduzione è mia, mooolto mooolto libera!)

    @ Ila: mi fai collassareeee! :D

    ReplyDelete
  6. Cara maestra, oggi il voto glielo do io:
    10 e lode!
    Ottimo post :-)
    Ciao, elena

    ReplyDelete
  7. Brava, bravissima!! È da tempo che lo voglio e non mi decido a comprarlo... Lo compro domani!!!! :))

    ReplyDelete
  8. ecco ci voleva un tutorial perchè la stampa col Gocco la conosco, ma non avevo mai capito come si usa ;D

    ReplyDelete
  9. Ciao io lo conoscevo già e ci facevo la voglia da tempo.. ma il mio unico dubbio è i ricambi, i colori, le lampadine esistono in italia??? o qualcosa di similare??
    Grazie

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao Cristina, a dire la verità non lo so, però sinceramente non credo. Penso che l’unica via avventurarsi su ebay armati di tanta pazienza e anche un po’ di fortuna. :)

      Delete

Thank you so much for stopping by.
I love to read your words! :)

Grazie mille per esservi fermati qui.
Adoro leggere i vostri commenti! :)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails